Sala del Castello

Rendering & Dotazioni

NOME  Sala del Castello

POSIZIONE  Piano terra

CAPIENZA  580 sedute sala intera

CARATTERISTICHE PRINCIPALI

Elegante e funzionale, divisibile in due sale. Finiture di alto pregio, pareti divisorie in legno di faggio fonoassorbenti e fonoisolanti con pavimenti in legno di ciliegio. Palco e sedie in Thonet, dotate di tavoletta di scrittura.


DOTAZIONI TECNOLOGICHE

  • palco (2 x 10 mt) con tavolo di presidenza e podio;
  • ƒluce naturale con sistema di oscuramento elettrico;
  • impianto di illuminotecnica per il palco con luci dimmerabili;
  • ƒimpianto di amplificazione per il parlato con microfoni a filo e radiomicrofoni a mano;
  • ƒn.2 schermi per proiezioni frontali e videoproiettori (configurazione standard a 90°);
  • ƒmonitor LCD sul tavolo di presidenza e sul podio;
  • ƒn.3 cabine per traduzione simultanea;
  • ƒn.2 cabine regia.

Scheda Tecnica

SALA INTERA

Altezza  8,35 mt
Area lorda  587,12 mq
Dimensione LxH  38,40 x 14,90 mt
Posti  580

CASTELLO 1

Altezza 8,35 mt
Area lorda 293,56 mq
Dimensione LxH  19,20 x 14,90 mt
Posti 260

CASTELLO 2

Altezza 8,35 mt
Area lorda 293,56 mq
Dimensione LxH  19,20 x 14,90 mt
Posti 260

Visita virtuale

L’origine del nome nei luoghi storici di Rimini

La sala del Castello prende il nome da Castel Sismondo, residenza del più noto esponente della famiglia Malatesta, Sigismondo Pandolfo (1419-1468). Brillante condottiero, fu mecenate di artisti e letterati. Per trasformare la fortezza dei suoi avi in una formidabile struttura difensiva, adeguata al nuovo modo di guerreggiare con le bombarde, chiese consulenza al celebre Filippo Brunelleschi. Sull’attuale torre di accesso sopravvive un bellissimo stemma con cimiero in forma di elefante e bande scaccate. Insieme al pittoresco fregio in maiolica con la rosa quadripetala, nella vicina torre, ricorda l’appartenenza del castello alla casata dei Malatesta, signori di Rimini dalla fine del Duecento agli inizi del Cinquecento.