Sala dell'Arco

Rendering & Dotazioni

NOME  Sala dell’Arco

POSIZIONE  Piano terra

CAPIENZA  260 sedute sala intera

CARATTERISTICHE PRINCIPALI

Elegante e funzionale, finiture di alto pregio, pareti in legno di faggio fonoassorbenti e fonoisolanti con pavimenti in legno di ciliegio. Palco e sedute imbottite Thonet, dotate di tavoletta di scrittura.


DOTAZIONI TECNOLOGICHE

  • ƒ palco (2 x 8 mt) con tavolo di presidenza e podio;
  • ƒ luce naturale con sistema di oscuramento elettrico;
  • ƒ impianto di illuminotecnica per il palco con luci dimmerabili;
  • ƒ impianto di amplificazione per il parlato con microfoni a filo e radiomicrofoni a mano;
  • ƒ n.1 schermo per proiezioni frontali e videoproiettori (configurazione standard a 90°);
  • ƒ monitor LCD sul tavolo di presidenza e podio;
  • ƒ predisposizione per traduzione simultanea;
  • ƒ possibilità di posizionare la regia in sala.

Scheda Tecnica

SALA INTERA

Altezza  4,34 mt
Area lorda  318,35 mq
Dimensione LxH  21,35 (max) x 15 mt
Posti  260

Visita virtuale

L’origine del nome nei luoghi storici di Rimini

La Sala dell’Arco prende il suo nome dall’Arco d’Augusto, costruito nel 27 a.C come porta cittadina, nel punto in cui aveva termine la via consolare Flaminia. L’antica strada che congiungeva Roma ad Ariminum fu ristrutturata nell’anno in cui Ottaviano Augusto fu proclamato imperatore: la grande apertura della porta, impossibile da chiudere con battenti di legno, rivela infatti il periodo di pace portato da Augusto. Se della statua dell’imperatore sulla sommità è rimasta solamente memoria, sopravvivono i bei volti delle divinità nei tondi a fianco delle colonne. Sono Giove e Apollo verso Roma, Nettuno e Roma verso Rimini. Segno distintivo di Rimini, l’Arco fa parte dello stemma cittadino fin dal Medioevo, ed è testimonianza dell’imponenza e della bellezza dell’architettura romana.